Collegio Sindacale
 

  • Invia ad un amico
  • Stampa
  • Aggiungi al carrello
  • Visualizza il carrello
  • Mail Alert
  • Feed RSS

Il Collegio Sindacale svolge la funzione di controllo di legalità per assicurare la corretta gestione della Banca. I suoi compiti riguardano anche l’adeguatezza dell’assetto organizzativo e del sistema di controlli interni.

Il collegio sindacale è investito dei poteri previsti dalle disposizioni normative e regolamentari vigenti, riferisce a Banca d’Italia in merito a irregolarità gestionali o violazioni della normativa riscontrate nello svolgimento dei propri compiti.

In particolare vigila su:

  • l’osservanza delle norme di legge, regolamentari e statutarie nonché il rispetto dei principi di corretta amministrazione;
  • l’adeguatezza dell’assetto organizzativo e amministrativo-contabile della società e il processo di informativa finanziaria;
  • la completezza, adeguatezza e funzionalità e affidabilità del sistema dei controlli interni e del risk appetite frame work (RAF);
  • il processo di revisione legale dei conti annuali e dei conti consolidati;
  • l'indipendenza della società di revisione legale, in particolare per quanto concerne la prestazione di servizi non di revisione;
  • la completezza, adeguatezza, funzionalità e affidabilità del piano di continuità operativa.

Il collegio partecipa alle riunioni del consiglio di amministrazione, del comitato esecutivo e dei comitati endoconsiliari per i quali il regolamento di funzionamento del consiglio di amministrazione prevede la loro partecipazione. È pertanto informato in via continuativa sull’attività svolta e sulle operazioni di maggior rilievo economico, finanziario e patrimoniale, effettuate dalla società o dalle società controllate, quelle con parti correlate nonché sulle operazioni in cui gli amministratori abbiano un interesse proprio o di terzi.

 

COMPOSIZIONE

Il collegio sindacale è composto da tre membri effettivi e tre supplenti, nominati dall’assemblea del 28 ottobre 2014, e in carica per gli esercizi 2015,1016 e 2017.

Natale Freddi** Presidente
Laura Gualtieri* Sindaco Effettivo
Gabriele Villa* Sindaco Effettivo
Alessandro Trotter* Sindaco Supplente
Barbara Negri* Sindaco Supplente
Silvia Olivotto** Sindaco Supplente

* Tratti dalla lista presentata dall’azionista Unicredit S.p.A. titolare dell’8,65% del capitale sociale
** Tratto dalla lista di minoranza presentata da un gruppo di investitori titolari dell’1,699% del capitale sociale

 

I REQUISITI

Lo Statuto prevede che non possono essere membri del collegio sindacale coloro che:
  • ricoprono cariche in organi diversi da quelli di controllo in altre società del gruppo Mediobanca nonché in società nelle quali Mediobanca detiene, anche indirettamente, una partecipazione strategica
  • coloro che ricoprono l'incarico di consigliere di amministrazione, dirigente o funzionario in società o enti, ovvero comunque collaborino alla gestione di imprese, che operino, direttamente o indirettamente, e anche per mezzo di società controllate, negli stessi settori di Mediobanca.
Al fine di recepire le novità introdotte dalla legge in materia delle “quote di genere” per la composizione del collegio sindacale, l’assemblea del 27 ottobre 2012 ha introdotto nello statuto sociale un criterio di riparto nella composizione degli organi sociali che assicuri l’equilibrio tra il genere femminile e maschile in modo che quello meno rappresentato ottenga almeno un quinto (nel corso del primo mandato) o un terzo (nei due successivi mandati) dei sindaci effettivi. La sua composizione assicura anche l’equilibrio tra i generi previsto dalla Legge n. 120/2011.

 

Ultima revisione: 24/01/2017