Investire in Mediobanca

Mediobanca è una delle più solide realtà bancarie in Italia, presente nell’investment banking, nel consumer banking e nel wealth management. Grazie ai nostri tratti distintivi, siamo emersi più forti dalla crisi finanziaria, confermando la nostra resilienza, reputazione, solidità e profittabilità.

Nel triennio 2013-2016, abbiamo superato molte banche europee per redditività e performance di mercato, senza ricorrere ad aumenti di capitale e continuando a distribuire dividendi. Ci stiamo pienamente concentrando sullo sviluppo e siamo pronti a cogliere opportunità di crescita nel settore corporate, nel credito al consumo e nel wealth management.

I nostri punti di forza:

1. Cultura aziendale distintiva, costruita sulle persone e sulla relazione di fiducia con i clienti.

  • Specializzazione e innovazione
  • Solida reputazione, costruita in 70 anni di approccio etico al business
  • Stabilità del consiglio di amministrazione e del management negli ultimi 10 anni
  • Forte presidio di costi e rischi
  • Organizzazione snella in stile “boutique”

Scopri di più sui nostri caratteri distintivi.

2. Solido posizionamento competitivo, basato su attività bancarie altamente specializzate e redditizie.

  • Principale banca d’affari in Italia, con consolidato posizionamento in Europa del Sud
  • Tra i principali operatori di credito al consumo in Italia con Compass
  • Presente nel retail banking con CheBanca!, operatore a prevalenza digitale che diventa motore di crescita nel wealth management
  • Qualità dell’attivo distintiva e requisiti patrimoniali ampiamente capienti

Scopri di più sulle nostre attività.

3. Capacità di adattare il modello operativo ai cambiamenti normativi e alle tendenze di mercato.

  • Trasformazione da holding di partecipazione a gruppo bancario altamente specializzato
  • Focalizzazione su segmenti di mercato a minor impiego di capital ed elevati rendimenti
  • Approccio prudente alla gestione dei rischi
  • Diversificazione dei ricavi bancari, che sono raddoppiati fra il 2005 e il 2016 e sono efficacemente bilanciati fra corporate e retail

Scopri di più su come è cambiata la banca negli ultimi anni.

4. Capacità di crescere anche in periodi di trasformazione.

  • Riduzione del portafoglio di partecipazioni azionarie, con cessioni per 1,5 miliardi di euro fra il 2013 e il 2016
  • Crescita a parità di livello di rischio, senza necessità di aumenti di capitale o di ristrutturazioni
  • Investimenti in attività bancarie a base commissionale ad alto rendimento e basso assorbimento di capitale

Scopri di più sulle acquisizioni e cessioni.

Ultima revisione: 24/03/2017