L’evoluzione dell’azionariato è andata di pari passo con la trasformazione del gruppo Mediobanca da holding di partecipazione a gruppo finanziario specializzato.

Al 31 dicembre 2018 è cessato lo storico patto di sindacato di blocco, che dal 1° gennaio 2019 è stato sostituito da un Accordo di consultazione tra soci Mediobanca che attualmente raggruppa il 12,08% circa del capitale. Nei termini previsti dall’Accordo è pervenuta la disdetta da parte di Schematrentatre S.p.A. (Edizione) (2,1% del capitale sociale), avente efficacia dal prossimo 1°gennaio 2022. Per effetto di tale disdetta, salve altre variazioni, la percentuale rappresentata dall’Accordo si attesterà a circa il 10% del capitale sociale. L’Accordo è da ritenersi automaticamente rinnovato per altri tre anni sino al 31.12.2024.

L’Accordo non prevede impegni né di blocco né di voto sulle azioni apportate, regola le modalità di incontro per condividere riflessioni e considerazioni in merito all’andamento del gruppo, in un contesto di parità informativa rispetto al mercato. 

L’accordo di consultazione tra soci Mediobanca è riconducibile alla fattispecie indicata dall’art. 122, comma 5, lett. a) del D.lgs. 58/98.


Evoluzione dell’azionariato di Mediobanca e del patto di sindacato

1946

CONTROLLATA AL 100%
Le tre Banche di Interesse Nazionale (BIN), controllate dall’IRI, costituiscono Mediobanca: Banca Commerciale Italiana 35%, Credito Italiano 35% e Banco di Roma 30%.

1956

QUOTA DI CONTROLLO: 75%
Quotazione alla Borsa di Milano: la quota delle tre BIN si riduce al 75%.

1958

AZIONI VINCOLATE: 55%
Primo patto di sindacato di blocco: le tre BIN (51%), quattro banche estere (Lazard; Lehman Brothers; Berliner Handels Gesellschaft, Sofina) e un investitore privato italiano (Pirelli & C.) vincolano complessivamente il 55% circa del capitale.

1988

AZIONI VINCOLATE: 50%
Privatizzazione di Mediobanca. Le tre BIN cedono il 32% del capitale riducendo la propria quota al 25% (Banca Commerciale 8,8%, Credito Italiano 8,8% e Banca di Roma 7,4%). Una quota paritetica del 25% viene vincolata da investitori privati (tra i principali Generali, Fiat, Pirelli, RAS, Olivetti, Pecci, Cir, Italcementi, La Fondiaria, Lazard, SAI, BHF Bank, Marzotto, Stefanel, Cerutti, Ferrero). L’Accordo controlla il 50% del capitale.

1993-1997

AZIONI VINCOLATE: 50%
Il Gruppo IRI privatizza, attraverso collocamento sul mercato, il capitale di Banca Commerciale Italiana, Credito Italiano e Banca di Roma.

2000

AZIONI VINCOLATE: 50%
A seguito dell’ingresso nel gruppo Banca Intesa la quota della Banca Commerciale Italiana (8,9%) viene collocata prevalentemente presso altri partecipanti. La quota controllata dall’Accordo si mantiene stabile intorno al 50% (le due banche italiane detengono circa il 9,5% ciascuna).

2001

AZIONI VINCOLATE: 49%
Per effetto dell’incorporazione in Mediobanca di Euralux (titolare del 3,9% di Assicurazioni Generali), Consortium (cui partecipano oltre a soci già azionisti di Mediobanca anche il gruppo Bolloré) rileva il 5% del capitale di Mediobanca che vincola all’Accordo. A seguito della diluizione ad esito della fusione, di alcune disdette e ingressi nuovi, la percentuale vincolata si attesta a circa il 49% del capitale.

2003

AZIONI VINCOLATE: 57%
A seguito dell’aumento della quota di Bolloré (5%) e dell’ingresso di altri investitori esteri (Groupama, Santander e Dassault) e di talune uscite, la quota dell’Accordo aumenta al 57% del capitale circa.

2004

AZIONI VINCOLATE: 55%
Per effetto di disdette (tra i principali Fiat, Telecom (ex Olivetti), Dassault) e nuovi ingressi (Brunelli, Della Valle, Fineldo, Mais, Vittoria Assicurazioni e Gruppo Zannoni), la quota sindacata si attesta al 55% del capitale.

2007

AZIONI VINCOLATE: 46%
A seguito della fusione Unicredit/Capitalia, il nuovo Gruppo Unicredit cede il 9,4% (riducendo la propria quota dal 18% all’8,7%) in parte agli altri partecipanti e in parte sul mercato. La percentuale vincolata all’Accordo si riduce al 46%.

2007-2018

AZIONI VINCOLATE: 28,5%
La percentuale sindacata si riduce progressivamente dal 46% al 28,5 ca. per effetto di disdette. Tra i principali partecipanti figurano Unicredit 8,4%, Bolloré 7,9%, Mediolanum 3,3%, Edizione/Benetton 2,1%, Fin.Priv 1,6%, Italmobiliare 1% e Fininvest 1%.

2019

Al 31 12 2018 cessa lo storico patto di sindacato di blocco.

Il tuo browser non è aggiornato!

Aggiornalo per vedere questo sito correttamente.

è per il risparmio energetico

Questa schermata consente al tuo monitor di consumare meno energia quando il computer resta inattivo.

Per riprendere la navigazione ti basterà muovere il mouse.