Media Relations

Mediobanca sigla il Manifesto di Valore D per l'occupazione femminile

Il Gruppo guidato da Alberto Nagel ha sottoscritto il Manifesto a sostegno della diversità di genere in azienda

Mediobanca ha siglato il Manifesto per l’occupazione femminile promosso da Valore D e già sottoscritto da 160 società rinnovando così la propria attenzione alle tematiche dell’inclusione di genere per tutte le società appartenenti al Gruppo.

Una vera e propria dichiarazione di impegno che Alexandra Young, Head of HR & Organization del Gruppo, commenta così: “Inseriremo tutte le tematiche relative all’occupazione al femminile all’interno della nostra Dichiarazione Non Finanziaria annuale. Fondamentale per noi sarà quindi attivare – anche in linea con il punto 3 del Manifesto – un’attività accurata di monitoraggio della presenza femminile, con l’obiettivo di migliorare al nostro interno gli indicatori sulle disparità di genere”.

Il Gruppo, che attualmente conta circa 4.600 dipendenti con un’incidenza di professioniste donne che supera il 40%, già dal 2012 supporta le dipendenti nel periodo della maternità anche attraverso l’adesione all’iniziativa “Un fiocco in azienda” promosso da Manageritalia, implementandone le indicazioni e avvalendosi dei servizi ideati nell’ambito del progetto. Un primo passo a cui seguiranno nuove iniziative mirate.

Facciamo della diversità un valore. Per questo continueremo a lavorare con l’obiettivo di incrementare l’incidenza femminile in tutte le aree di business. Complessivamente siamo in linea con le statistiche del settore bancario, tuttavia vogliamo lavorare per supportare la crescita della popolazione femminile anche attraverso programmi di formazione adeguati e strumenti che possano agevolare la conciliazione vita-lavoro” - conclude Alexandra Young.

“La firma del Manifesto è una tappa di un percorso di lungo termine che Valore D ha intrapreso a beneficio delle aziende associate e del Paese - ha affermato da Sandra Mori, Presidente di Valore D - “Sono molto fiera del risultato ottenuto perché le aziende di Valore D hanno riconfermato una volta di più, e in maniera molto concreta ed operativa, quanto la diversità rappresenti un valore per loro e quanto sia importante all’interno della loro organizzazione. La quasi totalità (88%) delle imprese associate ritiene infatti che la nostra associazione debba contribuire a migliorare la condizione socio-economica del Paese”.

 

Ultima revisione: 20/06/2018 - 12:08