Prestito obbligazionario Telecom Italia di 2,5 miliardi di euro

Telecom Italia ha emesso un prestito obbligazionario di 2,5 miliardi di euro nell'ambito del 'Global Note Program' del Gruppo. L'interesse manifestato da parte degli investitori ha consentito di aumentare sensibilmente l'importo (inizialmente previsto per 1,5 miliardi) fissando un rendimento complessivo di 100 punti base sopra i tassi swap per la tranche a 5 anni e di 125 punti base per la tranche a 10 anni. Le caratteristiche della prima tranche sono: importo 1,25 miliardi di euro, regolamento 1 febbraio 2002, scadenza 1 febbraio 2007, cedola 5,625%, prezzo di emissione 99,841; quelle della seconda: importo 1,25 miliardi di Euro, regolamento 1 febbraio 2002, scadenza 1 febbraio 2012, cedola 6,25%, prezzo di emissione 98,952. Entrambe le tranche saranno rimborsate a 100 e saranno quotate in Lussemburgo.
JPMorgan Securities Ltd., Lehman Brothers International (Europe), Mediobanca - Banca di Credito Finanziario e Merrill Lynch International hanno svolto il ruolo di joint lead managers e joint bookrunners dell'operazione.

Il tuo browser non è aggiornato!

Aggiornalo per vedere questo sito correttamente.