Media Relations

CDA 15 luglio 2003

Comunicato stampa ai sensi della deliberaConsob 11971/99 e successive modificazioni

Rilievo del controllo della Compagnie Monégasque de Banque

Nuova composizione del portafoglio partecipazioni strategiche/permanenti

Cooptazione di Consigliere e integrazione del Comitato Esecutivo

Il Consiglio di Amministrazione di Mediobanca, riunitosi oggi sotto la presidenza del dott. Gabriele Galateri di Genola, ha deliberato, in esecuzione degli accordi comunicati il 3 maggio 2002, di acquistare per contanti il 34,35% del capitale della Compagnie Monégasque de Banque attualmente detenuto da Commerzbank nonché il 10% di proprietà del gruppo di azionisti locali con un investimento di circa € 250 milioni. Per effetto di tale acquisto la partecipazione di Mediobanca salirà al 61,64% e CMB entrerà a far parte del Gruppo Bancario Mediobanca. Il rilievo del controllo della Compagnie rientra nel piano strategico dell'Istituto che prevede la crescita, anche per linee esterne, nel campo del Private Banking; l'Istituto monegasco ha una massa amministrata di € 6,3 miliardi ed ha chiuso il bilancio 2002 con un utile netto di € 22,3 milioni.
Il Consiglio ha altresì deliberato una nuova composizione del portafoglio partecipazioni strategiche/permanenti dell'Istituto che risulta composto dai possessi in Assicurazioni Generali, RCS MediaGroup, Italmobiliare, Pirelli, Olivetti, Fiat e Gemina oltre alle "strumentali" Banca Esperia e Compagnie Monégasque de Banque.
Infine il Consiglio di Amministrazione ha deciso all'unanimità la cooptazione, in sostituzione dello scomparso Dott. Giorgio Brambilla, del Dott. Matteo Arpe chiamandolo anche a far parte del Comitato Esecutivo unitamente al Presidente e ai Vice Presidenti - componenti di diritto - e ai Consiglieri Vincent Bolloré, Carlo Buora, Ennio Doris, Alessandro Profumo e Axel von Ruedorffer. Il Consiglio ha altresì deciso di mettere all'ordine del giorno della prossima riunione prevista per il 15 settembre la cooptazione dei Signori Jean Azema e Tarak Ben Ammar.
Milano, 15 luglio 2003

Ultima revisione: 06/12/2013 - 11:25