Ambiente e Territorio

ambiente

Ogni giorno ci impegniamo a monitorare il nostro impatto ambientale ed a implementare azioni di salvaguardia specifiche, così come indicato nella nostra Politica di Sostenibilità.

Per sensibilizzare le risorse interne abbiamo sviluppato un’iniziativa che mira ad avvicinare i dipendenti a temi quali il consumo di acqua, di elettricità e di carta, per favorirne un uso e consumo responsabile. Il progetto – MB Green – ha portato allo sviluppo di alcune azioni importanti, quali: l’attivazione e la diffusione di pratiche per la raccolta differenziata negli edifici del Gruppo, una campagna di sensibilizzazione per un uso corretto dell’energia elettrica e della carta, l’inserimento di forniture d’acqua specifiche volte a ridurre l’uso della plasticaPer enfatizzare il nostro impegno,  abbiamo regalato a ogni dipendente una borraccia di alluminio personalizzata in sostituzione dei bicchieri di plastica. 

Sempre in tema di sensibilizzazione interna, abbiamo lavorato sul consumo della carta. Oltre all’ invito a preferire i formati digitali rispetto a quelli cartacei, anche il progetto “Follow me”, che elimina la stampa a distanza, ha contribuito alla riduzione dei consumi di carta e della conseguente generazione dei rifiuti.

Il Gruppo ha scelto di intervenire anche sugli edifici, utilizzando tecnologie green per la sede di Mediobanca Innovation Service (MIS) e apportando migliorie per ridurre le emissioni di CO2 e i consumi di acqua in alcune sedi (aeratori sui rubinetti, sistemi di videoconferenze etc.).

I building delle sedi estere di Londra e Francoforte godono di una certificazione su base volontaria, secondo i protocolli internazionali più diffusi in Europa (BREEAM e LEED). Gli edifici vengono valutati tramite un’analisi complessiva di tutti i diversi aspetti della sostenibilità.

  • Buckingham Gate a Londra ha una certificazione BREEAM Excellent (Acceptable, Pass, Good, Very Good, Excellent, Outstanding)
  • OpernTurm a Francoforte ha una certificazione LEED Gold (Certified, Silver, Gold, Platinum).

Come Gruppo, siamo impegnati in diversi progetti utili alla collettività, tra cui:

  • riforestazione: il progetto realizzato da Che Banca! e Compass, in collaborazione con l’associazione Rete Clima, ha come obiettivo la compensazione degli impatti legati alla pubblicazione delle rispettive riviste aziendali 109C Magazine e Incontro Magazine. Le piante messe a dimora dai dipendenti, infatti, neutralizzano durante il loro ciclo vitale l’intera CO2 complessivamente generata dalle due pubblicazioni. In quest’ottica, MIS ha avviato una nuova iniziativa  che prevede la donazione di cellulari aziendali obsoleti  a fronte della piantagione di alberi in Madagascar, con l’obiettivo di combattere la desertificazione. Inoltre, abbiamo deciso di acquistare 250 telefoni eco riciclati con conseguenti vantaggi sia economici che ambientali. Infatti, per ciascun apparecchio acquistato  viene piantato un albero in Madagascar e si evitano emissioni pari a 9 kg di CO2 , il tutto garantito da un’apposita certificazione.
  • Fondo Ambiente Italiano: siamo parte delle 200 aziende del gruppo che supporta e finanzia il FAI. La missione del Fondo è quella di valorizzare, proteggere e prendersi cura del patrimonio storico, culturale ed artistico italiano.

CheBanca!: meno plastica, più sensibilità ambientale

Sul fronte della sostenibilità ambientale, che è uno dei pilastri della crescita del Gruppo Mediobanca, CheBanca! ha lanciato un nuovo progetto volto all’eliminazione della plastica dalla propria sede milanese. L’iniziativa prevede l’installazione di apposite fontanelle collegate alla rete idrica e l’omaggio a tutti i dipendenti diuna borraccia di alluminio in modo da eliminare i boccioni, le bottigliette in plastica e i bicchieri usa-e-getta.

Guarda l’infografica del progetto 

RAM Active Investments nella Task Force on Climate-related Financial Disclosures”

Ram Active Investments (Ram Ai) supporta la Task Force on Climate-related Financial Disclosures (Tcfd) unendosi ad una lista di oltre 500 partner.

Avviata nel 2015, la TCFD è un’iniziativa sostenuta dall’industria, ideata dal Financial Stability Board (FSB) e presieduta da Michael R. Bloomberg. La sua principale missione è portare alla disclosure volontaria di dati finanziari legati ai cambiamenti climatici, fornendo informazioni cruciali a finanziatori, compagnie di assicurazione, investitori e altri azionisti.

Tale annuncio conferma l’impegno di RAM Active Investments nel promuovere gli investimenti sostenibili. Essendo tra i firmatari dei Principi per gli Investimenti Sostenibili (UN PRI) e membro del CDP (ex Carbon Disclosure Project), RAM AI ha sempre tenuto in considerazione l’impatto etico dei propri investimenti. RAM AI ha infatti un approccio olistico nei confronti della sostenibilità sia a livello aziendale che di strategie, che assicura che i valori aziendali siano in linea con quelli dei clienti.

Mediobanca Innovation Services

L’immobile di Mediobanca Innovations Services (MIS) - azienda di servizi del Gruppo - è stato realizzato adottando le tecnologie più rispettose per l’ambiente.

In particolare, grazie all’utilizzo di apparecchiature che presentano elevati valori dell’ESEER (European Seasonal Energy Efficienty Ratio) abbiamo agito sulla produzione di energia termica e frigorifera e a un isolamento delle superfici, riuscendo a ridurre sensibilmente le emissioni di gas a effetto serra in atmosfera.

Fondo Ambiente Italiano (FAI)

Siamo una delle 200 aziende del gruppo “FAI 200” che supporta e finanzia il Fondo Ambiente Italiano, attivo nella valorizzazione e protezione del patrimonio storico, artistico e ambientale del nostro Paese.

I “200 del FAI” sono una grande squadra con obiettivi importanti: sostenere quotidianamente i nuovi progetti di restauro, rendere possibili i grandi cantieri nei beni acquisiti, mettere a disposizione risorse per l’organizzazione di eventi e iniziative culturali. Il tutto per promuovere una nuova cultura dell’arte e della natura come beni da difendere e di cui godere ogni giorno.

Il FAI è una fondazione senza scopo di lucro nata nel 1975, le cui attività, coerentemente con la sua missione, si concretizzano in tre ambiti:

  • protezione di Beni artistici e naturalistici;
  • sensibilizzazione delle persone al valore del patrimonio paesaggistico e monumentale;
  • mobilitazione attiva per la protezione del paesaggio a rischio.

Un’ampia rete di volontari, diffusa su tutto il territorio nazionale, supporta e sostiene le Campagne del FAI: sei grandi momenti in cui è possibile visitare ville d’epoca, palazzi storici, musei e archivi storici che vengono aperti al pubblico per l’occasione.

Per approfondimenti sul Fondo Ambiente Italiano: www.fondoambiente.it

CMB la prima banca nel Principato che coltiva il proprio giardino 

Dallo scorso mese di agosto, le terrazze del quartier generale della Banca, situato in Avenue de la Costa, sono state trasformate in un magico orto biologico.

CMB
Zucca, cavolo, broccoli sono solo alcune delle verdure che crescono accanto a erbe aromatiche come basilico, salvia, timo, origano per citarne alcuni. CMB ha seminato e piantato con cura, fiduciosa che il primo raccolto darà sapori unici a molti piatti.

CMB ha unito le proprie forze a quelle  di  "Terre de Monaco" per organizzare uno spazio "verde" e partecipare all'impegno del Principato nella conservazione dell'ambiente per le generazioni future.

Un gesto per l’ambiente in Mediobanca

Crediamo sia doveroso promuovere una gestione responsabile delle risorse, sia per noi che per le generazioni future, anche tramite piccoli gesti quotidiani. Foto borraccePer questo abbiamo deciso di promuovere un’iniziativa interna finalizzata alla sostituzione dei bicchieri di plastica presenti accanto ai distributori dell’acqua, dotando tutti i dipendenti di una borraccia di alluminio.

L’utilizzo della borraccia permetterà di risparmiare oltre 1,25 tonnellate di plastica all’anno, corrispondenti a circa 3,12 tonnellate di emissioni di CO2[1] nell’atmosfera.
1]Fattore di conversione: 1t di plastica = 2,5t di CO2

Uno smartphone donato per tre alberi piantati

Il progetto, avviato da Mediobanca Innovation Services con la collaborazione di Connexing, prevede la donazione dei cellulari aziendali obsoleti, a fronte della piantagione di 3 alberi per ogni dispositivo. La scelta sul luogo di destinazione degli alberi è ricaduta sul Madagascar, un Paese con un alto tasso di povertà dove un albero donato può fare la differenza, dimostrando l’importanza di combattere la desertificazione in aree sensibili del nostro Pianeta.
Con questa attività, a fronte del lotto di cellulari donati da parte di MIS, saranno piantati 1250 con una compensazione di 11688 Kg di Co2. certificato riforestazione 1250 certificato riforestazione 250

 

 

Ultima revisione: 03/02/2020