Strategia

Il piano 2016-2019 segna il completamento del nostro riposizionamento strategico. Ci stiamo focalizzando su un modello di business che presenta un’elevata produzione di ricavi commissionali a fronte di un minor assorbimento di capitale, mantenendo al contempo il nostro approccio prudente alla gestione dei rischi e la nostra eccellenza patrimoniale.

Nel 2003 è iniziato un profondo percorso di trasformazione, che ci ha portato a passare da holding di partecipazioni a gruppo con attività bancarie altamente specializzate. Nel triennio 2013-2016, ci siamo concentrati sulla semplificazione delle attività, la cessione di larga parte delle partecipazioni azionarie e lo sviluppo dei segmenti bancari considerati strategici.

Il piano 2016-2019 darà un’ulteriore accelerazione a questo processo, con l’obiettivo di rafforzare il modello operativo per fare di Mediobanca un operatore orientato alla creazione di valore nel lungo termine. Per cogliere meglio le opportunità di crescita, abbiamo deciso di creare una divisione dedicata al wealth management, il cui sviluppo diventa prioritario. Il contestuale processo di ottimizzazione dell’uso e dell’allocazione del capitale ci consentirà di cogliere pienamente il potenziale di valore esistente.

OBIETTIVI

 

AZIONI

1. Crescita dei ricavi, specialmente da attività a base commissionale e basso assorbimento di capitale   Sfruttare a pieno i nostri punti di forza e le nuove opportunità nei mercati Corporate & Investment Banking (CIB) e Consumer Banking
  • CIB: rafforzare il presidio sul cliente in determinati settori e segmenti di clientela
  • Specialty Finance: cogliere opportunità nel factoring e nel Credit Management
  • Consumer Banking: rafforzare la crescita attraverso il potenziamento della rete distributiva
2. Significativo miglioramento della redditività (ROAC) delle attività bancarie   Focalizzarsi sullo sviluppo nel wealth management, anche attraverso acquisizioni selettive
  • Integrare e sviluppare le società recentemente acquisite (Cairn Capital, Barclays, Banca Esperia) con importanti sinergie di ricavo e costi
  • Proporre un’offerta innovativa alla clientela Affluent & Premier di CheBanca! e al segmento Private & High Net Worth Individual (HNWI), con il nuovo brand Mediobanca Private Banking, Spafid e Compagnie Monégasque de Banque (CMB)
  • Creare e sviluppare la fabbrica prodotto Mediobanca Asset Management a partire dall’integrazione e sviluppo delle capacità già presenti in Banca Esperia, CMB e Cairn Capital
  • Investire in acquisizioni mirate fino 1 miliardo di euro (200 punti base di CET1)
3. Conferma del modello di business fondato su resilienza e sostenibilità   Ottimizzare l’allocazione e l’uso del capitale
  • Ridurre ulteriormente le partecipazioni azionarie, in particolare la quota in Assicurazioni Generali
  • Orientare le scelte operative sulla base dell’uso profittevole del capitale in tutte le divisioni e attività
  • Adottare Modelli Avanzati (AIRB) nei portafogli Large Corporate, Consumer Banking e Mutui

 

Ultima revisione: 27/10/2017