CdA Mediobanca - Approvata la relazione semestrale al 31/12/2019

Mediobanca prosegue nel suo percorso di crescita
con livelli record di attività commerciale: 
€2mld di NNM in masse gestite, di cui €1,6mld negli ultimi 3M,
€5mld di nuovi finanziamenti nei mutui e credito al consumo

Il Gruppo cresce
negli attivi redditizi: TFA +10% a €64mld, impieghi +8% a €46mld
nei ricavi: +4% a €1,3 mld
nell’utile netto: +4% a €468m

ROTE >10%

Mediobanca tra le prime miglior dieci banche Europee quanto a
 requisiti SREP e MREL, stabilmente bassi ed ampiamente coperti

Il semestre vede:

  • Significativi investimenti in distribuzione, in linea con le indicazioni del Piano 2023: forza vendita WM a circa 1000 professionisti, +70 nei sei mesi e +140 nell’anno, canale diretto nel Consumer potenziato a 206 filiali/agenzie, +7 nei sei mesi e +14 nell’anno, lancio di 41 agenzie Compass Quinto.
  • Livelli record di attività commerciale con importante crescita degli attivi redditizi:
    • Masse della clientela (“TFA”) +10% a/a a €64mld, con “net new money” di gestito pari a €1,9mld nel semestre (di cui €1,6mld nell’ultimo trimestre); MB si colloca tra gli operatori a maggior crescita sul mercato del gestito italiano sia nel segmento Affluent che Private;
    • Impieghi a clientela +8% a/a a €46mld (+3% t/t), con record di nuova produzione per credito al consumo (€3,9bn, +11% a/a, di cui €2bn nell’ultimo trimestre) e mutui residenziali (€1,3mld, +58% a/a di cui €0,8mld nell’ultimo trimestre).
  • Crescita dei ricavi (+4% a/a, a €1.325m), con:
    • margine di interesse a €722m, + 3% a/a e +1% t/t, grazie al positivo sviluppo dei volumi, alla tenuta dei margini nel credito al consumo, al controllo del costo della raccolta, all’ottimizzazione dei livelli di liquidità;
    • commissioni a €329m, +5% a/a e +12% t/t , trainate da WM (a €158m, +12% a/a) ed Advisory CIB (a €65m, +35%);
  • Crescita del risultato operativo (a €625m, +3% a/a), grazie all’efficienza operativa (Cost/Income ~45%) ed al costo del rischio (“CoR”) che nell’ultimo trimestre si porta ai minimi storici (<50bps nei 6M e <40bps negli ultimi 3M, con att.deteriorate in riduzione del 7% t/t);  
  • Utile netto +4% a/a a €468m e ROTE superiore al 10%, con positIvo contributo di tutti i segmenti di attività:
    • WM: acceleratore della crescita e primo contributore alle commissioni di Gruppo (50% del totale nell’ultimo trimestre); ricavi +10% a/a (a €299m), commissioni nette +12% a/a (a €158m), utile netto +35% a/a (a €48m), ROAC dal 14% al 23%;
    • Consumer: primo contributore per ricavi, margine di interesse e redditività; ricavi +4% a/a (a €532m), margine di interesse +5% a/a (a €474m), ROAC al 30% con €167m di utili;
    • CIB e PI: apporto elevato e profittevole ( utile netto a €144m, ROAC 16%; PI utile netto a €187m, ROAC 13%).
  • Indici di capitale e funding stabilmente elevati:
    • CET1 stabile al 14,1%  e per oltre 550bps superiore ai minimi regolamentari
    • Passività MREL>40% degli attivi ponderati (calcolate a sett.19) ben oltre i minimi regolamentari.
  • Mediobanca si colloca tra le prime 10 banche Europee in termini di requisiti SREP e MREL, stabilmente bassi ed ampiamenti coperti:
    • SREP CET1 requirement confermato all’8,25%, con P2R stabile a 1,25% (secondo miglior requisito italiano e ottavo sulla totalità del campione ECB)
    • MREL requirement confermato al 21,6% degli RWA.

 

*************

 

Ultima revisione: 06/02/2020 - 14:56