Banca Esperia lancia il primo trust onlus

    Banca Esperia, la private bank controllata da Mediobanca e Medio-lanum, diventa la prima banca italiana a utilizzare lo strumento del trust per perseguire finalità benefiche in alternativa a strumenti più tradizionali come la Fondazione. Proprio gli obiettivi filantropici, sanciti in modo chiaro nell'atto costitutivo, hanno permesso al trust di Esperia di diventare uno dei primi in Italia a ottenere la qualifica di onlus, beneficiando così dalle agevolazioni fiscali previste dall'ordinamento italiano per le organizzazioni non lucrative. Esperia Philanthropy onlus (questo il nome del trust) ha infatti come scopo «l'esclusivo perseguimento di finalità di solidarietà sociale, mediante devoluzioni in denaro a favore di enti senza scopo di lucro». Il fondo del trust sarà alimentato da Banca Esperia e resterà aperto a donazioni anche da parte di benefattori terzi, i quali potranno indicare una destinazione specifica per il loro contributo. In questo modo sarà possibile partecipare attivamente all'evoluzione di progetti con esclusive garanzie di efficienza e di sicurezza, beneficiando al contempo delle agevolazioni fiscali previste.
    Come in ogni trust, anche la gestione di Esperia Philanthropy onlus è affidata a un trustee (un soggetto terzo e indipendente che persegue le finalità indicate nell'atto istitutivo): si tratta di Esperia Trust Company Srl, la società del gruppo Banca Esperia che, nata nel 2005, è stata la prima trust company italiana di emanazione bancaria. E specializzata nella gestione esclusiva di patrimoni complessi costituiti da liquidità e strumenti finanziari, ma anche immobili, partecipazioni e opere d'arte, nonché nella progettazione e nella redazione di atti istitutivi di trust. Il trustee sarà assistito da due organi di particolare importanza previsti dall'atto istitutivo del trust: il Guardiano e il Comitato dei Garanti. Il primo rappresenta una figura di indirizzo e controllo dell'operato del trustee ed esprime il proprio, necessario, parere in merito alle attività di gestione, mentre il Comitato dei Garanti offre supporto nell'individuazione delle migliori strategie di azione per il più efficace perseguimento dello scopo benefico. «Siamo estremamente soddisfatti di poter mettere a disposizione dei nostri clienti una soluzione innovativa dedicata all'esclusivo perseguimento di finalità di solidarietà sociale», ha affermato a MF-Milano Finanza l'amministratore delegato di Banca Esperia, Andrea Cingoli. «Lo strumento del trust on-lus», ha aggiunto, «arricchisce ulteriormente la nostra offerta di philantropy advisory che si declina in tre aree specifiche: la governance di progetti filantropici ; 1' identificazione di strumenti di finanza sociale e, infine, l'avvicinamento a strumenti di impact investing, mediante club deal, finalizzati a investire in iniziative filantropiche o a impatto sociale».

     

    Ultima revisione: 22/12/2015 - 10:06