Comitato Esecutivo
 

  • Invia ad un amico
  • Stampa
  • Aggiungi al carrello
  • Visualizza il carrello
  • Mail Alert
  • Feed RSS

Il Consiglio di Amministrazione può nominare un Comitato Esecutivo cui è delegata la gestione corrente della Banca con tutti i poteri, anche in materia di erogazione del credito, che non siano riservati dalla normativa applicabile o dallo statuto al Consiglio di Amministrazione o che non siano stati altrimenti delegati all’Amministratore Delegato. Nell’esercizio della funzione di gestione il Comitato esecutivo attua le linee e gli indirizzi formulati dal CdA, ferme restando le competenze riservate al Consiglio di Amministrazione.

Salve le incompatibilità e i limiti previsti dalla normativa vigente sono componenti di diritto del Comitato Esecutivo i Consiglieri Dirigenti del Gruppo Mediobanca.

I componenti del Comitato con la qualifica di dirigenti di società del Gruppo Mediobanca sono tenuti a dedicarsi in via esclusiva allo svolgimento delle attività inerenti alla carica e – salvo diversa determinazione del Consiglio di Amministrazione – non possono svolgere incarichi di amministrazione, direzione, controllo o di altra natura in altre società o enti che non siano partecipati da Mediobanca. Gli altri componenti del Comitato Esecutivo – salvo diversa determinazione del Consiglio di Amministrazione – non possono svolgere incarichi di amministrazione, direzione, controllo o di altra natura in altri gruppi bancari o assicurativi.

Il Comitato Esecutivo è presieduto dall’Amministratore Delegato. Il Comitato resta in carica per tutta la durata del Consiglio di Amministrazione che lo nomina.

Alle riunioni del Comitato partecipano il Presidente del Consiglio di Amministrazione, in qualità di invitato e il Collegio Sindacale.

Il Comitato Esecutivo è così composto:


Componenti del Comitato Esecutivo
 

Dirigente
 
Alberto Nagel (Presidente) X
Francesco Saverio Vinci X
Maurizia Angelo Comneno *<>  
Angelo Casò *<>  
Gian Luca Sichel  X
Alexandra Young   X

* Requisiti di indipendenza ai sensi del Codice di Autodisciplina.
<> Requisiti di indipendenza ai sensi dell’art. 148,
comma terzo del TUF.

Ultima revisione: 28/10/2015